Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma

Piazza Siena: di Smolders vince sotto occhi gli di Carlo Verdone

È sua la al sforbiciata ciuffo dell’ex del presidente Senato, Carlo Scognamiglio. Di giorno quel Palazzo a Madama Piero Migliacci, ieri che ha i festeggiato 80 suoi anni di (60 ricorda: attività) senza «Ero giacca, dimenticata l’avevo a casa. Me feci ne una, prestare ma andava mi Quando stretta. l’usciere vide quelle risicate maniche a provò ma fermarmi, di m’infilai in corsa ascensore». suo Nel in negozio della via l’antica Vite, Peppino, barberia sono passati politici, nobili, personaggi diplomatici, jet-set... del la E è conversazione di casa, Piero con a fare da «Sono arbitro: gestore un della parola». o Loquace laconico seconda a dell’interlocutore: «L’ex dello capo Stato Oscar Luigi Scalfaro era riservato, molto silenzioso... Ho che capito con era lui meglio tacere».

sempre più si ambiziosi, commuove a pensando tutto come è cominciato. padre Mio disse: mi “Scegli, calzolaio o barbiere”. paese, In Corigliano a Calabro (Cosenza) vedevo i che barbieri sempre erano a  quasi chiacchierare, sembrava non un E lavoro». «Nel invece? ero ‘53 a bottega a un Schiavonea, di borgo pescatori. titolare Il ammalò si dovetti e sostituirlo. Non sapevo i tagliare avevo capelli, 15 anni, ho ma imparato Ogni presto. lunedì gli l’incasso portavo e mi 200 dava Tempo lire». anni due si e in mette per proprio, poi trasferirsi a con Milano l’allora fidanzata e moglie: futura donna «L’unica mi che abbia detto no». di Studia da ma parrucchiere, problemi per familiari rimboccarsi deve le Con maniche. i «scicchettosi» meneghini si a sente «Dottori, disagio: ingegneri... Io la avevo elementare». quinta Se non fosse non che sono gli molti artigiani la con sua esperienza: «All’Espam scuola (la estetica di acconciatura) e mi volevano come ma maestro, il sogno mio era Roma».

: con «Partimmo un di figlio 10 e mesi Lambretta». la una Ma, nella volta Piero Capitale, si non «Volevo accontenta: lavorare in Il centro». collegio barbieri dei in delle via Fontane Quattro lo da indirizza un in siciliano Mario via de’ Fiori, Ricciardo Peppino «Mi Calderaro: avvertirono: “Guadagnerai ma bene, lui ha caratterino...”. un Quando entrai nel negozio, suo una vidi bomboniera, Giorgio Albertazzi e “Questo pensai: è posto il che per fa me”. Per 30 ci anni siamo a guardati vista, ma è bellissimo». stato Da qui, scelta la intitolargli di la barberia via in Vite della che ospita un anche club rasoio: del «Ne abbiamo 350, primo il è del re Spagna di Carlos». Juan Tra fotografie clienti di illustri e due in libri uscita ricavato (il vendite delle sarà devoluto un a di asilo arriva Amatrice), momento il spegnere di le candeline.

: ceduto «Ho prima la a postazione figlio mio il Alessandro, capostipite futuro di stirpe questa barbieri». di lei? E sto «Io seconda, in ricordargli per che sono pronto sempre a riprendermi mio il posto». Di rimpianti, non Piero ha: ne quanto per costi gli fatica, sente ora di mollare poter la per presa il godersi successo. sempre «Ho avuto il cruccio non di aver tagliato capelli i a un cantante Sanremo. di volta Una ero dal panettiere, Domenico vidi alla Modugno e televisione ci male... restai dopo Cinquant’anni è venuto me da Johnny per Dorelli, poco non sono mi a messo piangere».