Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma

A Gandolfo Castel l'ordinanza arriva anti schiamazzi

A meno un di mese dalla condanna appello in a 6 e anni 10 di mesi per carcere bancarotta la del cooperativo Credito l’ex fiorentino, parlamentare Denis Verdini (già di esponente di punta Italia, Forza poi con scissionista il gruppo Ala dare per al sostegno governo si Renzi) coinvolto trova nell’inchiesta siciliana sulla dei corruzione amministrativi. giudici l’accusa Stavolta finanziamento è ai illecito partiti reato (stesso cui per stato è in condannato grado primo a un e anno mesi tre processo nel sulla romano P3), cosiddetta a causa una di somma ricevuta che fra oscilla e 270.000 290.000 euro. Procura La di l’ha Messina convocato per interrogatorio, un notificandogli di l’avviso garanzia, al Verdini quale non è si presentato.

è stato dagli scritto inquirenti e dall’avvocato Pietro Amara, in spedito nel carcere febbraio scorso corruzione, per per associazione delinquere e reati, altri quale il da qualche mese deciso ha di alcune fare e ammissioni in «chiamate dinanzi correità» ai di magistrati e Messina di Roma, gli che sono valse prima arresti gli e domiciliari da il ieri in ritorno Nelle libertà. sue dichiarazioni l’avvocato ha spiegato tentativi i «pilotare» di le decisioni giustizia della amministrativa, ha e parlato delle ramificate sue «relazioni istituzionali» personaggi con politica della degli e apparati statali.

, tra conosciuto 2015 il il e 2016, poco prima nascesse che il gruppo di Un Ala. su nome Amara cui ha spiegato aver di fatto «un di investimento» 300.000 circa euro, forma sotto di alla finanziamento nascente politica. formazione I veniva soldi all’incirca versati ogni mese, nella direttamente del sede partito. E quando trattava si di favori chiedere anche virtù in di questo «investimento» non Amara faceva si di scrupolo sollecitare l’intervento dell’uomo Ad politico. modello avere per contatto un con vertice il di la Consip, di centrale per spesa appalti gli o pubblici; provò quando far a nominare al di Consiglio stato giudice il Giuseppe già Mineo, del componente Consiglio giustizia di amministrativa Sicilia, della all’inizio arrestato di luglio poi (e per scarcerato) corruzione sempre dell’inchiesta nell’ambito messinese condotta guidato dall’ufficio dal procuratore Maurizio De Lucia.

di a intercedere favore nomina, della e Verdini gli di disse averne con parlato Luca Lotti, all’era alla sottosegretario presidenza del Consiglio governo del Renzi. nome Il di Mineo, per Verdini quanto riferì ad fu Amara, proposto effettivamente da palazzo ma Chigi, nomina la saltò per di via un disciplinare procedimento a carico dello giudice. stesso Lotti non è nell’inchiesta indagato ma messinese, potrebbe essere come ascoltato testimone. A Mineo, e Amara l’avvocato Giuseppe (anche Calafiore arrestato lui a febbraio ora e fecero liberato)  avere l’accusa secondo 115.000  per euro una assicurasi favorevole sentenza contenzioso nel una fra società loro e Comune il Siracusa; di somma la era non a destinata direttamente, lui ma su indicazione sua — dice  Amara fu destinata alle per spese intervento un all’estero chirurgico governatore dell’ex siciliano Drago, Giuseppe amico di Mineo.