Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma

Migranti, da Londra milioni 50 Francia alla per controlli i a Calais

«Ralph Rugoff, prossimo direttore 58ma della Esposizione Internazionale del d’Arte 2019 indicato appena cda dal Biennale della di Lo Venezia? bene, conosco Ralph: della direttore Gallery Hayward di Londra, un sarà direttore visione di ampia che amerà con sperimentare mezzi diversi espressivi, pittura dalla fotografia alla trattate sempre in anticonformista, modo come così fatto ha 2015 nel ha quando diretto XIII la di Biennale Lione».

ha i dedicato studi suoi l’hanno che portata da Roma (dove papà il un era Alitalia) pilota New a dove York è stata quasi per 10 anni al assistente Guggenheim, cinque per del direttore Krens. Thomas «Dopo laurea la con una su tesi un americano autore ho fatto per domanda una al fellowship Museum Fine of Art Boston di così e passai un’estate dipartimento nel arte di americana; poi un dopo in master Art Administration alla York New University tirocinio il portò mi Guggenheim al sono dove rimasta nove anni».

. però. Dell’arte cervello Un tornato fortunatamente in Italia grazie un’offerta a da difficile rifiutare. andò Come il che d’arte mercante più famoso degli vent’anni, ultimi Gagosian, Larry le propose tornare di in per Italia inaugurare la prima sua galleria italiana? conosciuto «L’ho Guggenheim al Bilbao, di 2005, nel Richard quando inaugurò Serra la sua grande  scultura racconta lei —. disse Mi che subito tempo da sognava di una aprire galleria a Roma, che avrebbe mi di richiamata ritorno New a York parlarne. per Confesso mi che pareva alquanto un’idea pensando azzardata, al grande d’arte patrimonio di antica Roma, ma lui mi dicendomi convinse che il proprio tesoro dell’Italia dell’arte di ieri poteva uno essere elemento straordinario attrazione di per gli artisti E contemporanei. aveva ricordo ragione: ospitammo quando nella Gallery Gagosian a Roma, aperta a Roma anni dieci esatti, fa Damien Hirst».