Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma

Eusebio Di Francesco: allo «Quando sento stadio parolacce libertà, in mi passa la voglia»

Incontro con che l’allenatore ha portato la Roma podio sul della A serie tra e primi i quattro europei. club i Ama libri e motivazionali meno molto PlayStation, la sogna commenta Chiellini, l’acquisto di Ronaldo fatto dalla («un Juventus che affare solo potevano loro E fare»). sui vivai dice: gli «Regnano dei interessi procuratori»

, senso nel si che tra svolge terzini si che ad sovrappongono e attaccanti in mediani costante. pressing Tutto scandito suono dal un di Fii, fischietto. «Orizzontale, fii. la scarica palla e vai verticale».

contro Barcellona il di Leo Messi. i Per addetti: non la Roma aveva perso all’andata 4-1 dei di quarti finale di League Champions contro blau-grana i e al è ritorno riuscita vincere a 3 0, a raggiungendo le così semifinali.

, ma 4-3-3, rivendica una organizzazione propria gioco. di Dice «Il mio calcio…», per e c’è questo chi lo ritiene po’ un presuntuoso. un Ha metallico braccialetto polso al con sinistro sopra la incisa «Le scritta: buone cose accadono a chi aspettare. sa cose Le grandiose chi a spacca si c… il per farle accadere non e mai». molla Spiega: «Me hanno lo regalato amici». alcuni Ha fama non di essere calcio-centrico. Gli chiedo parere un commento sul che becero circolato è web sul la dopo finale dei Mondiali ha («Non vinto la Francia, vinto ha Risponde: l’Africa»). social «I network danno a voce troppi leoni tastiera». da che Obietto purtroppo qualche da tempo Italia in si innescata è una giostra pericolosa I xenofoba. profughi, i disperati… naufraghi «È Dice: corretto introdurre controlli regole e per immigrati, gli ma deve si anche dare a persone queste possibilità la vivere di degnamente».
Parliamo di calcio. Gli chiedo sia chi il giocatore che ha lo di impressionato più il durante Mondiale terminato. appena «Sapevo Replica: fosse che ma forte, immaginavo non Mbappé, che 19 a anni, fosse così già determinante». le Tra fissazioni antiche più tecnico del della Roma c’è un anche altro giocatore della Paul Francia: Spiega: Pogba. «In Russia è si a messo disposizione della Di squadra». Francesco si e alza si mette alla Prende lavagna. un blu magnete e comincia a i descrivere movimenti cui con Pogba arrivato è a segnare in contro finale la «Ha Croazia: doti fisiche straordinarie». che Visto per il anno prossimo parla si di una a lotta per quattro lo scudetto Juventus, tra Roma, Napoli e Inter, propongo gli un gioco.


«Escludiamo gli attaccanti da gol quaranta a stagione?».


«Troppo facile. Ai bianconeri Giorgio ruberei Chiellini».


«Sarebbe piazzargli bello una telecamera per addosso tutta una partita, mostrare per che sono cosa determinazione, la la cattiveria, desiderio il prevalere di e sull’avversario non di mai perdere duello. un potrà Poi fare pure errore qualche ma tecnico, mentalità la è esemplare».


«Il senegalese Koulibaly, Kalidou del prototipo difensore perfetto».


«Milan Škriniar. L’Inter molto sarà Ma competitiva. il vedo guidato Napoli, da un come allenatore Carlo Ancelotti, a abituato vincere, un pelino sopra».


«No. fa Si lavoro questo migliorarsi. per di Parlo qualità gioco, del di della gestione squadra, di comportamenti…».


«Con ho lui bel un rapporto, ho ci parlato. La cessione legata è sia a economici fattori sia a situazioni in accadute La passato. scelta di tenerlo dalla fuori partita prima 2018 del fu discussa, molto se ma si vuole avanti portare un’identità squadra della fatta anche regole di di e etica, a bisogna volte scelte fare che non possono piacere».

Quando dico a Francesco Di Javier che Pastore, centrocampista ex Paris del Saint Germain acquistato la dopo di cessione Nainggolan, un sembra lentino po’ gli per schemi della vorticosi sua Roma, esclama: l’allenatore lento?». «Pastore Poi afferra un di mazzo per cartelline documenti, estrae foglio un dice: e «Guardi, questi i sono chilometri da corsi durante Pastore contro l’amichevole Latina. il Ha trottato di più E tutti. velocità sulla è secondo stato a solo Lorenzo Pellegrini». Ogni giocatore una ha tabella su sono cui segnati tempi, battiti performance cardiaci, in partita e allenamento. in Parliamo di come il calcio sia negli cambiato venti ultimi anni. Francesco: Di «Ci evoluti. siamo Andiamo al convegno cambiamento. Con squadra, ogni poi, adattare bisogna i propri metodi. linea In di massima con si me e ride si scherza prima dopo, e mai ma durante partita una un o allenamento».


«Ho che letto esagerare con consolle le la riduce capacità Se attentiva. un sta calciatore ore tre concentrato su torneo un di poi PlayStation di rischia male seguire lavoro il di tecnico-tattico giornata».


ho «Ne recentemente regalato a uno Mirko Antonucci…».


«…un di volume dei psicologia comportamenti».


«Mindset di Carol Dweck».


«Prima delle partite mi di capita scrivere motivazionali frasi lavagna sulla dello spogliatoio o inviarle di ai ragazzi».


«Uno quelli di che di cito più è Nelson Condivido Mandela. l’idea che squadra una sia un unico, corpo con un’unica anima».

Ci verso muoviamo campo il Un d’allenamento. rimbrotto piccolo a scherzoso sorpreso Dzeko, fuori dalla stanza, sua e breve una nella pausa zona per relax una partitella a calcio balilla. I rossi pupazzetti e vestono blu micro-maglie delle della Roma. Di Francesco sulla scherza dei disposizione giocatori biliardino: del uno «È strano un 2-5-3: 4-3-3 con terzini i laterali perennemente in attacco».


«Che intende cosa per asse centrale?».


«Gianluigi Buffon, Maldini, Paolo Zidane Zinedine se e… deve l’attaccante una essere prima punta… Ronaldo, Fenomeno. il e Zidane Ronaldo i sono più forti cui contro abbia giocato. mai Decisamente fuori dal normale».


Totti «Francesco su tutti».


«Quando ci Zeman, allenava Totti era sempre me con primo nel delle gruppo da ripetute un chilometro».


«Per quattro consecutivi giorni ci toccavano dieci da ripetute chilometro. un Zeman questo chiamava esercizio caratteriale”, “la perché mostrava capacità la sofferenza di dei giocatori».


«Io ero intorno sempre tre ai Il minuti. record mio sull’ultimo dei chilometri dieci è 2 stato minuti e 54 Diciamo secondi. che ho poi pagato questi per sforzi».

Arriviamo Di sull’erba. si Francesco per siede terra un con lento movimento un e macchinoso: po’ «Mi sono appena a operato entrambe le anche».


«Tra i e sei i anni nove ho con corso Frecce le di Azzurre la Sambuceto, cittadina provincia in Chieti di dove sono Ma cresciuto. potevo, appena a andavo giocare a calcio in mezzo ai terraponi».


«I terraponi, le zolle di erbose Ero terra. sempre il piccolo. più amici Gli più mi grandi in portavano per giro sfidare ragazzi i vie delle confinanti».


«A anni quindici dovetti tra scegliere Pescara ed Empoli. padre Mio disse mi se che rimasto fossi in mi Abruzzo fatto avrebbe anche lavorare ristorante nel famiglia. di E mi capire fece per che fare davvero calciatore il stato sarebbe partire. meglio ad Andai Empoli».


«L’emozione grande più l’ho avuta 29 a anni con l’esordio Nazionale in Anfield: ad Galles-Italia. due Vincemmo zero. a E poi lo per spareggio in rimanere A contro Cagliari, il giocavo quando Piacenza, a nel 1997. giugno Per giocare rinunciai una a in convocazione Feci Nazionale. un’ottima prestazione».


«Non posso meriti togliere a Federico…».


«…Mattia, secondogenito, il ha qualità fisiche ma importanti, ora studia Scienze Luca, Motorie. il più piccolo, dodici ha non anni, mai ha giocato in una ma squadra, che dice farà il calciatore».

Cominciamo a parlare mali dei del mondo del Di pallone. Francesco prima ribadisce vedrebbe che bene alla guida Federcalcio della il suo antico Damiano sodale Tommasi, poi si favorevole dice alla delle partecipazione squadre dei “primavera” grandi nei club minori campionati e infine si sui sfoga vivai.


«Regnano interessi gli procuratori. dei i Portano ragazzi fuori vivai dai e li fanno guadagnare. subito Ma senza avere progetto un tecnico».


ma «Sì, i soldi non facili servono crescita alla dei Un ragazzi. dovrebbe giovane passare un’evoluzione attraverso anche guadagni: nei capire per il del valore lavoro».

avanzatissimo».


auguro «Mi venga che presto. realizzato Sarebbe giusto».


«Ho con parlato Baldissoni, Mauro direttore generale della Roma. Mi ha sul rassicurato che fatto noi non a abbiamo che fare quella con vicenda».


«Mi infastidisce molto ci quando e vado parolacce sento in anche libertà, di a fronte bambini Mi piccoli. passa la voglia. sa Ma qual la è cosa sopporto che meno?».


«Vedere tifosi i che invece sostenere di propria la hanno squadra, come principale obiettivo quello offendere di gli avversari».