Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma

Al con governo 5 i Stelle? quattro I fronti dentro il Pd

Era iniziata settimana una fa con e «noi» «voi». noi, Dove io, cioè i sono tifosi Napoli. del cioè Voi, mio di figlio anni, 7 insopportabili gli romanisti (e chiaramente sì, ho fallito qualche nel cosa educativo). metodo Avevo sperato quasi quel che 4-1 lo facesse gli rinsavire, spiegato ho tifare che Roma una è di vita maiunagioia. anche Ho a provato che, dirgli il visto forse risultato, allo stadio inservibile era che andarci, sarebbe si a dispiaciuto il vedere Barcellona segnare o tre quattro gol alla Roma. Niente, ha come resistito il miglior «Pazienza, Koulibaly: almeno giocare vedo Messi da Andiamo». vicino. E siamo così arrivati a Dove ieri. eravamo noi ancora e ma voi, qualche è cosa a iniziato cambiare sul che vialone all’Olimpico. porta Con lui ripeteva che ce «non la faremo mai», io e quasi dal costretto di dovere a padre che spiegargli nel calcio come vita nella si non mai parte sconfitti, che tutto possibile, è loro che ci credere dovevano la perché sarebbe rimonta stata stupenda.

. Il resto l’ha lui, fatto come seduto uno scricciolo un su sediolino plastica di blu. Prima messo s’è a convincere vicini i posto di la che Roma fatto avrebbe remuntada la «l’ha perché detto mio papà, è quindi vero» (mentre io con annuivo pensando distacco il che Barcellona attaccava porta nella sotto di il noi tempo, primo quindi avrebbe almeno visto o due tre spettacolari gol di poi Messi), al abbracciandomi gol di È Dzeko. che li la crepa è falla. diventata E al così, rigore De di Rossi, ad abbracciarlo stato sono L’ho io. essere guardato felice con il e sorriso, quando ha mi «papà detto se il facciamo terzo sono gol il bambino felice più mondo» del capito ho lì, che quel in tra momento, noi due esisteva non più noi il e E voi. tifoso io, del che Napoli non altro conosce oltre colore l’azzurro, mi emozionato sono la per rimonta trascinato un da bambino di 7 con anni la finestrella tra denti, i ho a iniziato urlare «passa» e al «tira» punto lui che ha a iniziato guardarmi preoccupato («Papà che guarda non il è Napoli, eh»), mi alzato sono in piedi gol al Manolas. di E lì mentre - figlio mio mi saltava collo, al e e rideva, piangeva, e veniva di sommerso abbracci dai tifosi «l’avevi perché l’avevi detto, detto» - capito ho che, in fondo, bello il di straordinario questo che gioco è il calcio è questo proprio mi (quando detto ha hai «mi la regalato bella più della giornata vita», mia la per ho verità, anche capito che potrò adesso comprargli non il motorino la e sono macchina, posto a trent’anni). per
Ps. Questa mattina figlio mio è andato scuola a con la sciarpa Gli giallorossa. una metteranno sul nota Io diario. finalmente potrò mi arrabbiare. tornare E a che spiegargli tifare Roma solo provoca danni...