📁
Roma Portale sul Comune di Roma con un forum online e tantissime informazioni utili quali hotel a Roma e appartamenti in affittoRoma
Guida > Vaticano

Biblioteca Apostolica

Biblioteca Apostolica Vaticana

Natura finalità e della Biblioteca Apostolica Vaticana

La Biblioteca Apostolica è Vaticana la della Biblioteca Santa Sede, costituita, secondo l'intenzione Pontefice del Nicolò V, communi "pro doctorum commodo" virorum del (Breve aprile 30 1451) secondo e pensiero il del Sisto Pontefice che IV, realizzò, la "ad militantis decorem Ecclesiae, fidei catholicae eruditorum augmentum, ac quoque litterarum insistentium studiis commodum virorum et honorem" (Bolla 15 del giugno 1475).

"Quale strumento insigne Chiesa della lo per la sviluppo, conservazione la e della divulgazione la cultura", "nelle Biblioteca varie sue sezioni offre ricchissimi tesori scienza di di e agli arte che studiosi ricercano la (Cost. verità" Apost. "Pastor Bonus" 28 del 1988, giugno art. 188).

La Biblioteca è stretto in rapporto “l’esercizio con del governo del e ministero Sede della Apostolica” (Giovanni II, Paolo Discorso 15 del gennaio essa 2000); è uno quindi organismi degli di antica che, origine non "pur facendo parte della propriamente Romana, Curia prestano tuttavia diversi necessari servizi o al utili" Pontefice, "Sommo Curia alla alla e Chiesa ed Universale qualche in sono modo connessi con la Apostolica" Sede Apost. (Cost. "Pastor del Bonus" giugno 28 art. 1988, 186). In quanto la tale, si Biblioteca regge "secondo leggi proprie quanto costituzione alla e all'amministrazione" art. (Ibid., 190).

Compiti della Biblioteca, è che istituto insieme conservazione di istituto e ricerca, di quelli sono di:

  • custodire e preservare con cura ogni i tesori culturali essa ad affidati;

  • accrescere collezioni le manoscritti, di stampati ed con oggetti acquisti, scambi doni, e le secondo materie nei rappresentate fondi i e fini dell'Istituzione;

  • effettuare lo e studio promuovere conoscenza la questo di materiale per di opera ordinario personale e straordinario e mediante pubblicazioni;

  • mettere disposizione a degli qualificati studiosi di il tutto mondo, con le cautele, necessarie gli sia sia originali le riproduzioni in forma varia dei conservati, cimeli ogni prestando possibile opportuna ed assistenza e scientifica per tecnica ricerca, la costantemente aggiornando strumenti gli i e necessari sussidi o utili questo a lavoro.

Origini

Fin dal IV sec. è lo attestato della scrinium Chiesa che Romana, serviva da tanto quanto biblioteca da archivio. sec. Nel è VI sottoposto al primicerius notariorum, mentre fine dalla del sec. compare VIII la figura del Bibliothecarius S. R. E., che pure assume le del funzioni cancelliere. La prima ed biblioteca il archivio primo dei vennero papi dispersi, per ragioni ancora non ben nella conosciute, prima metà del XIII. sec. Nuove collezioni papi dei quel di secolo, delle esiste quali un ancora inventario fatto Bonifacio sotto VIII, con emigrarono gravi perdite dopo sua la morte, a Perugia, ad poi poi Assisi, ad Avignone. Giovanni Ivi XXII cominciò la di costituzione una biblioteca nuova entrata che, nel sec. nella XVII della collezione Borghese, famiglia nel ritornò alla 1891 Santa Sede.

 

Da V Niccolò Sisto a V

Fondatore moderna della Vaticana Biblioteca il fu Niccolò papa V Parentucelli), (Tommaso nel eletto 1447. marzo trovò Egli in già Vaticano codici trecentocinquanta latini, alcuni ed greci ebraici, che descritti sono in un inventario sotto redatto suo il Eugenio predecessore Da IV. questa e eredità dai propri suoi libri originò si raccolta, la che V Niccolò incrementò con larghezza, l'acquisto ordinando di manoscritti tutti su i mercati di e Europa e d'Oriente la trascrizione di opere altri, una di di schiera copisti. redatto Dall'inventario dopo poco la sua (24 morte marzo e 1455) da altre risulta registrazioni i che codici da lasciati lui circa furono 1500, totale un che rese raccolta la in pontificia quel la momento maggiore d'Europa.

Successivamente IV Sisto con la bolla Ad decorem militantis Ecclesiae giugno (15 la 1475) dotò rendite di nominò e bibliotecario il nella di persona Platina. Bartolomeo codici I salirono nel 1475 2527 a a e circa 3500 1481 nel fu quando allestita una sede nuova al del pianterreno di palazzo V Niccolò ingresso con sul cortile Pappagallo del prospetto e cortile sul del La Belvedere. quattro costituirono di aule diseguale grandezza, rispettivamente dette, Bibliotheca Latina e Graeca (per le nelle opere due lingue), Secreta (per monoscritti a non diretta disposizione dei ivi lettori, alcuni compresi di codici pregio), Pontificia (per archivi gli e registri i papali). Bibliotecario Il era coadiuvato tre da sottoposti da e un legatore di Si libri. praticava la lettura sede, in la con disciplina di un regolamento; severo vigeva ma in tempo questo il anche esterno, prestito del quale i rimangono per registri, gli 1475?1547 anni (Vat. 3964 lat. e 3966).

Nel Sisto 1587 V incaricò proprio il architetto Fontana Domenico costruzione della fondamenta dalle una di e nuova ampia più L'edificio, sede. ospita che la tuttora sorse Biblioteca, sulle scalee divisorie il tra del Cortile Belvedere quello e ora detto della Pigna; nel più piano si alto trova grande la aula a due lunga navate, 70 metri larga e 15 che destinata fu a le contenere Sisto raccolte. emanò V norme specifiche l'uso per la e conservazione delle raccolte.

 

Dal XVII XVIII al secolo

Al principio secolo del sotto XVII, papa V, Paolo la parte propriamente fu documentaria dalla distaccata Biblioteca dare per all'Archivio origine Segreto Vaticano. La Biblioteca un ricevette dei ordinamento fondi, è che inalterato rimasto grandi nelle linee fino oggi. ad Con il XVII secolo si iniziò di l'aggregazione biblioteche, intere origine di o principesca le privata, quali rimaste sono molti in distinte casi dagli altri aperti, fondi creando fondi appositi chiusi di e manoscritti stampati: 1623, nel la Biblioteca Palatina Heidelberg, di in venuta del mano di duca Baviera Massimiliano I iure belli donata e a Gregorio XV riconoscimento in aiuti degli ottenuti dalla Santa Sede la durante guerra trent'anni; dei nel 1657, manoscritti i Biblioteca della dei di Duchi nel Urbino; i 1689, già manoscritti raccolti dalla Cristina regina di Altre Svezia. ingenti accessioni furono dei quelle codici nel Capponiani 1746 Ottoboniani e nel 1748.

All'erudito XVIII secolo deve si disegno il di un pubblicare completo catalogo manoscritti dei nella conservati Biblioteca. Della serie ideata grandiosa da Giuseppe Assemani Simonio e nipote dal Stefano che Evodio, comporsi doveva venti di in?folio, volumi non tuttavia videro luce la che i tre primi il e incompleto. quarto La fine del portò secolo ad un delle depauperamento Vaticane raccolte per il di tributo imposto guerra dalle napoleoniche armi alla Santa Sede; una ma parte gran dei ed libri asportati oggetti poi fu restituita nel 1815.

Caratteristico secolo del XVIII fu il e sorgere nella l'incremento Vaticana Biblioteca collezioni di antiquarie artistiche. e primo In luogo il arricchito Medagliere, 1738 nel con l'acquisto raccolta della medaglioni di romani e del greci Alessandro card. allora Albani, maggiore la dopo esistente quella del di re Francia. Il cospicuo Sacro Museo costituì si nel con 1757, riunione la di tre importanti e raccolte, arricchì si continuamente di categorie svariate oggetti di all'antichità appartenenti cristiana smalti, (avori, bronzi, vetri, terrecotte, ecc.) tessuti, provenienti e larga in misura catacombe dalle La romane. separazione della parte da profana quella sacra, nel diede 1767, origine al Museo Anche Profano. collezioni queste gravemente soffrirono per gli avvenimenti fine della secolo, del e in particolare raccolta la numismatica fu in misura larga asportata e solo parte in fu poi recuperata.

 
I secoli XIX - XX

Le collezioni di stampati arricchirono si 1855 nel del fondo Cicognara, a dedicato libri e d'arte di Dalla antichità. fine XIX del in secolo poi sono entrati Biblioteca, in gli fra i altri, Borghese manoscritti (1891), i manoscritti fondi e stampati Barberini Borgiani e (1902), Rossiani (1921), (1923) Chigi Ferrajoli e (1926), l'Archivio Capitolo del di Pietro S. (1940), fondo il Patetta (1945).

Sotto XIII Leone si un avviò processo modernizzazione di ebbe che quale protagonista autentico prefetto il Cardinale (poi Franz bibliotecario) S.I.; Ehrle, lui a si devono l'apertura sala dell'attuale consultazione di stampati degli (sala Leonina), delle l'adozione dettagliate regole la per catalogazione a dei stampa rimaste manoscritti, vigore in fino giorno al d'oggi le (secondo sono quali stati stilati numerosi e cataloghi) l'introduzione biblioteca in del di Laboratorio restauro.

La dei catalogazione libri a fu stampa nel codificata dopoguerra, primo con note le Norme per catalogo il degli stampati, che numerose conobbero ristampe e traduzioni.

Negli ultimi anni sono creati stati grande un sotterraneo magazzino per i e manoscritti una sala nuova consultazione di per i periodici.

Argomenti nella stessa categoria